Paul Cezanne: due passi tra gli schizzi del genio

Una mostra al MoMA di New York dal 6 giugno al 25 settembre, per incontrare gli schizzi, i disegni, le idee del genio francese di Paul Cezanne.

Una recente ricerca ben documentata fissa le origini dell’artista non in Francia bensì a Cesena. Radici riguardanti il padre – Luigi Augusto Cesena, cappellaio della cittadina romagnola, divenuto  Louis-Auguste Cézanne, una volta trasferitosi in terra provenzale – Sguardo francese ma sangue italiano, dunque, per Paul Cezanne, il genio che Picasso definì “il padre di tutti noi“.

L’artista è considerato tutt’oggi il ponte tra l’impressionismo dell’800 e una nuova corrente che agli inizi del ‘900 si stava facendo strada: il cubismo.

Curiosamente, in giovinezza, Cezanne fu inseparabile amico di Emile Zola, ed entrambi inconsapevoli del futuro che li attendeva, durante il periodo di studi lo scrittore eccelleva nel disegno mentre il pittore scarseggiava in arte ma si faceva valere in letteratura.

Al Museum of Modern Art di New York, -come annunciato dal The Paris Review – in questi mesi, è stata allestita una mostra – Cezanne Drawing – di migliaia di sue opere, schizzi, prove, idee buttate su carta e sopravvissute ad anni e vicissitudini.

Samantha Friedman, curatrice delle opere del MoMA afferma: “Ciò che abbiamo imparato guardando queste opere, è che la relazione tra esse e i dipinti non è così semplice in quanto non sempre è uno studio preparatorio che porta ad un progetto finito. L’artista persegue lo stesso tema in una serie di immagini a catena e lo sforzo durante il processo è come un’opera fine a se stessa. L’esplorazione è la fine”

Sul sito web ufficiale del celebre museo – a questo indirizzo – è possibile acquistare il biglietto (acquistabile comunque come in tutti i musei, presso la biglietteria del luogo).